Nuovo inizio per Nois!

Si svolgerà oggi, martedì 21 maggio 2019, all’interno del laboratorio extracurricolare “DIRITTI al cinema” rivolto ad alunne ed alunni dellaScuola Secondaria di 1° Grado “G.B. Tuveri” di Cagliari e finalizzato alla realizzazione di una puntata di NOIS – Il TG dei migranti di EjaTV, un’edizione speciale del Migrantour.

Tra le 15.30 e le 17.00 le ragazze che frequentano il laboratorio visiteranno il quartiere più interculturale della città di Cagliari, Marina, con la guida dell’accompagnatrice Zitounia, una giovane sarda marocchina, e di Laura Longo, responsabile del progetto Migrantour a Cagliari, la partecipazione delle professoresse Valentina Origa e Arianna Pusceddu e la redazione di NOIS – Il Tg dei migranti, coordinata da Valentina Bifulco. La collaborazione tra i tre progetti è stata attivata in modo da coinvolgere le ragazze che partecipano al laboratorio, oltre che nella realizzazione tecnica della puntata, nella conoscenza di una Cagliari differente, abitata da persone di diverse etnie, con i propri vissuti, la propria storia personale e familiare, le proprie esperienze della città.

Il progetto “DIRITTI al cinema” è stato elaborato dall’Istituto comprensivo Randaccio – Tuveri -Don Milani di Cagliari per il bando “A2 – CinemaScuola 2030 – Cinema per la Scuola – I progetti delle e per le scuole”, che è stato selezionato e finanziato del MIBAC e del MIUR. Il progetto, che verte sull’educazione al linguaggio cinematografico e la promozione della conoscenza degli obiettivi dell’Agenda 2030, ha visto svolgersi attività in tutti gli ordini di scuola, dalla Scuola dell’Infanzia alla Scuola Secondaria di 1° grado. Le attività previste per quest’ultima sono state suddivise in tre grandi aree: “Conosciamo il cinema”, con laboratori di educazione al linguaggio cinematografico e incontri con esperti del settore appartenenti alle associazioni LaboratorioVentotto, FICC, Sunu Gaal ed Entulas; “Andiamo al cinema”, con proiezioni e discussioni dedicate presso il cinema d’essai Odissea, e “Facciamo cinema”, ovvero l’attivazione di laboratori completamente gratuiti in orario extracurricolare, rivolti agli alunni e alle alunne delle classi II e III della Scuola Secondaria di I grado. Il primo laboratorio si sta svolgendo presso la sede e con la guida della redazione di EjaTV presso il Teatro Massimo, con spostamenti nella città per un totale di 24 ore, di cui 4 propedeutiche (a cura dell’Associazione Entulas), ed è finalizzato alla realizzazione di una puntata di “NOIS. Il TG dei migranti”.

NOIS – Il Tg dei migranti per i migranti, prodotto da EjaTv e Sardegna Teatro, divulga notizie e informazioni utili per l’accesso ai servizi, la formazione e l’integrazione, con lo sguardo sempre rivolto ai fatti che coinvolgono i paesi d’origine dei e delle migranti. Le puntate sono visibili su ejatv.comsardegnateatro.it progettohuman.it. Grazie ad un blog ed una pagina Facebook le comunità possono interagire in modo diretto, commentare, scambiare opinioni e raccontare le loro storie. Le puntate sono ricche di servizi dedicati alla persona, approfondimenti culturali, letteratura e cinema in lingua originale, in modo da attivare dei ponti tra le culture attraverso la lingua delle comunità coinvolte.

Il progetto “Le nostre città invisibili. Incontri e nuove narrazioni del mondo in città è un’iniziativa di educazione alla cittadinanza globale che ha come obiettivo il contrasto di rappresentazioni scorrette e discriminanti delle migrazioni e della diversità culturale. E’ promosso da ACRA, con il co-finanziamento dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo (A.I.C.S) e realizzata in partnership con diverse associazioni locali, ong, enti ed università. L’iniziativa, attiva da marzo 2018 in 10 città italiane (Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Pavia, Roma e Torino), intende contribuire alla diffusione di una nuova narrazione basata sull’uguale dignità dell’Altro e sulla valorizzazione del contributo dei processi migratori di ieri e di oggi alla nostra società mediante l’accesso a una corretta conoscenza del fenomeno e una sensibilizzazione dell’opinione pubblica attraverso mass media, social network, web e incontri diretti. Le passeggiate interculturali Migrantour sono uno degli strumenti di coscienza e scambio valorizzati nell’ambito dell’intervento.


Argomenti:


NOIS - Del: 21/05/2019